SUB Magazine: Salute
Apnea
Attrezzature
Fotosub
Miscele
Pesca
Relitti
Salute

Fumare e l'attività subacquea

Molti subacquei hanno l’impellente vizietto di ricaricarsi fumando l’ammaliante sigaretta. Di seguito analizziamo le implicazioni del fumo sull’attività subacquea. Iniziamo sottolineando che il polmone è uno degli organi più importanti per la vita visto che, tra le altre cose, consente di ossigenare il sangue.
Il fumo, determinando una riduzione della quantità di ossigeno nel sangue, riduce la durata delle immersioni in apnea. Pertanto, se volete delle apnee più lunghe, non fumate proprio prima dell’immersione. Questo utile suggerimento è valido anche per le immersioni con autorespiratore, perché nel fumo ci sono alcuni gas nocivi, come l’anidride carbonica e il monossido di carbonio, che in profondità, a causa della maggiore pressione ambientale, diventano più dannosi (vi è un aumento della loro pressione parziale).
Il subacqueo fumatore deve inoltre prestare maggiore attenzione alla compensazione dell’orecchio medio e dei seni paranasali durante la discesa verso il fondo, dato che il fumo aumenta la produzione di muco e diventa più difficile sbloccare l’orecchio.
A tale riguardo, spesso sento dire: «Ogni volta che smetto di fumare è peggio, divento pieno di catarro e non riesco a compensare». È vero: ci sono studi che hanno dimostrato che per circa una settimana, dopo aver sospeso il fumo, aumenta la quantità di muco prodotto; quindi, se volete compensare meglio, dovete smettere di fumare almeno una settimana prima del periodo programmato per le immersioni. Se vi riesce, perché non sospendete per sempre?
È generalmente consigliabile che il subacqueo fumatore che si immerge con autorespiratore ad aria o a miscele aumenti il tempo della tappa di sicurezza alla profondità di cinque metri, rispetto al subacqueo non fumatore. Difatti, nel fumatore l’azoto si libera più lentamente durante la decompressione, perché il fumo comporta una perdita di elasticità del polmone, che diventa più “rigido”. Se fumate, un altro consiglio è quello di praticare almeno un po’ di allenamento fisico, perché in immersione avete la tendenza ad affannarvi più facilmente, in quanto il fumo causa un aumento del lavoro respiratorio, del consumo di ossigeno e della produzione di anidride carbonica.

 
 
 

  info@italiasub.it 
© 2003-2018 Arvea s.r.l. - All rights reserved - PI 06964260969
i nostri siti: www.portaleturisticoitaliano.it www.ejoiner.com


Chiudi
Chiudi
Chiudi