SUB Magazine: Pesca
Apnea
Attrezzature
Fotosub
Miscele
Pesca
Relitti
Salute

Nel cuore di un arbalète

Se è mai possibile che la semplicità batta l’evoluzione tecnologica, il successo dell’arbalète sta oggi a dimostrarlo. È infatti innegabile che il fucile a elastici domini attualmente il mercato, e che anche i più accesi sostenitori del pneumatico di tanto in tanto cedano alla tentazione di provare un fucile semplicemente diverso. Non solo per tutte quelle ragioni tecniche più o meno note a tutti, ma anche perché impugnare un arbalète dà una sensazione particolare, come se la sua intuitiva semplicità ci portasse verso quegli antichi rituali di caccia che ancora albergano nel nostro Dna.
Un’arma di assoluta semplicità, dicevamo, lineare nella struttura, nella manutenzione, con poco spazio per quelle modifiche personali tipiche di ogni subacqueo esperto. Un tempo, in effetti, era così, ma da quando l’arbalète si è conquistato una posizione di primo piano, scatenando la concorrenza fra le aziende produttrici, le cose sono cambiate. Le componenti base di un fucile a elastico sono ovviamente rimaste le stesse: il fusto, l’impugnatura, l’asta, le gomme. Ma intorno a questa struttura molto è stato fatto, e molto si farà. Per questo vogliamo tentare di fare il punto tecnico su questa tipologia di fucile su cui oggi si concentra l’attenzione dei pescatori subacquei.

 
 
 

  info@italiasub.it 
© 2003-2018 Arvea s.r.l. - All rights reserved - PI 06964260969
i nostri siti: www.portaleturisticoitaliano.it www.ejoiner.com

Chiudi

Chiudi
Chiudi