Teoria subacquea Introduzione
Apnea
Attrezzature
Fotosub
Miscele
Pesca
Relitti
Salute

Indice degli argomenti

Introduzione
Immersioni in apnea
- Atrezzatura
- Pesata
- Pinneggiare
- Sommozzare
Immersioni con ARA
Conoscere il nostro corpo
La pressione e i suoi effetti
Respirazione, consumi e autonomia
Il tempo di immersione
Gli incidenti
Pinneggiare
Fuori dall'acqua

Quando si devono percorrere brevi tratti fuori dall'acqua, in spiaggia, su un pontile o in barca, con le pinne ai piedi, è consigliabile camminare all'indietro. Durante la risalita sulla barca o sul bordo della piscina è opportuno sfilarsi le pinne ancora in acqua e passarle al compagno.

Pinneggiare

Un corretto uso delle pinne può assicuare il massimo rendimento con poca fatica. La loro potenza elimina infatti la necessità di usare per spostarsi le braccia e le mani, che possono essere usate per portare atrezzature supplementari. Fare sempre attenzione a non urtare con le pinne altri bagnanti o il fondale, per non rovinare il fondale. Ci sono diversi tipi di pinneggiate.

Pinneggiata fluttuante

Gambe e piedi sono distesi e le ginocchia sono leggermente piegate, mentre le caviglie vengono mosse su e giù con il moto naturale delle pinne; il colpo viene dato con l'anca e con le ginocchia. Per non perdere inutilmente energie, quando si nuota in superficie, le pinne devono rimanere immerse. La spinta principale viene data dalla gamba che si muove verso il basso, mentre l'altra risale e si prepara per il colpo successivo.

Pinneggiata a delfino

La pinneggiata a delfino interessa tutto il corpo e non solo gli arti inferiori. Le gambe sono unite e si muovono in sincronia spingendo contemporaneamente grazie all'ondeggiamento del corpo. La pinneggiata si inizia piegando le ginocchia, portando le pinne insieme in alto, mentre si inarca la schiena. Si raddrizzano poi le gambe portandole verso il basso, mentre si piega il corpo in avanti a livello della vita. Questa pinneggiata è molto utile nel caso si perda una pinna, appoggiando il piee privo di pinna sopra l'altro.

Pinneggiata a sforbiciata

E' una variazione di quella fluttuante: il corpo viene mantenuto quasi di lato. Le gambe si disgiungono come nella pinneggiata fluttuante, ma durante il contraccolpo, le pinne vengono riavvicinate ed il subacqueo si trova a planare per qualche secondo.

 
 
 

  info@italiasub.it 
© 2003-2018 Arvea s.r.l. - All rights reserved - PI 06964260969
i nostri siti: www.portaleturisticoitaliano.it www.ejoiner.com


Chiudi
Chiudi
Chiudi